Ida Vitale, premio M. Cervantes per la Poesia

Ho appreso in questi giorni la notizia che il 23 aprile la poetessa uruguayana Ida Vitale è stata insignita del Premio Miguel Cervantes, riconoscimento che può essere equiparato ad un Nobel della poesia ed è conferito in Spagna dal Ministero dell’Educazione e della Cultura.
Il premio viene consegnato nella data in cui si commemora la morte di Miguel Cervantes, autore del capolavoro “Don Chisciotte”, ed è dotato di un assegno di 125.000 euro. La cerimonia solenne si è tenuta all’Universidad de Alcalá de Henares (Madrid).

Ida Vitale ritira il premio Miguel Cervantes 23 aprile 2019

Autrice di una trentina di raccolte poetiche, ma anche di numerosi saggi e prose, Ida Vitale è stata ricompensata alla carriera con il Premio Octavio Paz (2009), il Premio Alfonso Reyes (2014), il Premio Reina Sofía (2015), il Premio Internacional de Poesía Federico García Lorca (2016) e il Premio Max Jacob (2017).
È la quinta donna ad avere ricevuto il Premio Miguel Cervantes, e sicuramente la prima novantacinquenne. Il riconoscimento le è stato consegnato dal re Felipe VI e subito dopo averlo ricevuto la poetessa ha rivendicato la lezione di “Don Chisciotte” la cui pazzia era intesa come “Frenesia Poetica”. Una lezione meravigliosa, niente di più vero, essere affetti da questa “frenesia” ha propriamente il sapore di quella sana follia che ammalia e non ammala gli animi, al contrario li rende più vivi.  

Col suo linguaggio denso, moderno, personale e universale, al tempo stesso popolare e alto, canta il richiamo della vita nei suoi versi.

Chiamata viva

Mettersi al margine
assistere un pane
cantare un inno

svilirsi invano
annullare volontà
confermare cataclismi

accompagnare la solitudine
non negarsi alle chimere
ristagnare nella sbornia

andare dal piccolo al vasto
dall’opaco alla scintilla
dall’incombenza al sogno libero

offrirsi alla sobrietà del giorno
senza morire un’ora dietro l’altra
tornare a cominciare ogni notte

volare dal distinto all’identico
ammirare belvederi e cantine
infliggersi, affligersi, preoccuparsi

essere alla ricerca dell’anima differita
preparare un miracolo nell’ombra
e chiamare vita quello che sa di morte.

Ida Vitale

Ritenuta a buon diritto una delle voci più limpide della poesia ispanoamericana, sembra possedere una vena che si arricchisce col tempo, anzi mi pare inesauribile, tanto che se ne potrebbe trarre la testimonianza di quanto la Poesia non appartenga al tempo e con essa i Poeti che hanno la fortuna di essere toccati da questa grazia.
Purtroppo in Italia è stata poco tradotta e ciò è un vero peccato,  nonostante la Vitale sia molto legata al nostro Paese. Lo scorso anno, in una intervista alla rivista “Gente d’Italia”, ha raccontato che suo nonno paterno era un avvocato siciliano della provincia di Palermo, un garibaldino che andò via durante il regno di Umberto I,  e che lei lo ha  conosciuto solo attraverso i racconti di sua nonna e i documenti conservati.
Ha raccontato anche di avere ricevuto tanta influenza  dalla cultura italiana che è stata molto importante, prima per le origini familiari ma poi anche a scuola con lo studio della lingua. Tant’è che oltre all’attività letteraria, durante la sua lunga carriera, la Vitale ha lavorato come professoressa e come traduttrice e in quest’ultimo caso ci sono riferimenti alle opere italiane, in particolare a quelle di Luigi Pirandello.

Fresia Erésia è l’eteronimo dietro il quale si cela una poetessa eretica per vocazione, un animo sensibile che ha trovato libera espressione solo attraverso la scrittura poetica.
Pensare in versi sciolti è ciò che le riesce meglio: poesie, aforismi e suggestive metafore per lo più si perdono tra nuvole di pensieri e solo a volte si fermano sulla carta per restare.
Scoperta per caso da un anziano poeta che era in cerca della sua Musa, Fresia viene riconosciuta per alcuni versi giovanili come un talento naturale del genere “diamante grezzo non ancora lavorato”.
La poetessa è solita affermare però che il peggio che le potrebbe capitare sarebbe proprio di finire sfaccettata su commissione da un talent scout seriale, per questa ragione mantiene l’anonimato e non si mostra mai in pubblico.


Iscriviti alla Newsletter di Latina Città Aperta

* campo obbligatorio
/ ( dd / mm )

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *