Autore: Tonino Panino

Squallor: il fascino della trasgressione intelligente

                          Durante i funerali c’erano due bare. E noi stavamo a piangere tutti su una bara. E io mi sono accorto che c’era un altro nome allora ho chiesto al…
Leggi l'articolo

Ivan Graziani: il poeta della provincia

Personaggio atipico, decisamente "avanti" rispetto ai suoi contemporanei, Ivan Graziani ha portato nella canzone italiana un nuovo approccio rock, senza complessi di inferiorità verso i modelli anglo-americani. Il grande assente…
Leggi l'articolo

Viktor Ullmann: Der Kaiser Von Atlantis (ossia l’abdicazione della Morte)

                                     Cos’è la musica concentrazionaria? A questa domanda si può rispondere che è quella musica che fu espressione della creatività in condizioni estreme, che fu composta o eseguita cioè a…
Leggi l'articolo

Demetrio Stratos

“Che bravi che erano gli Area International Popular Group/ Demetrio cantava di tutto accompagnato da musicisti che suonavano di brutto/ esploravano musiche nuove e la gente ascoltava/ un pubblico costituito…
Leggi l'articolo

Il Trio Lescano e la sua storia particolare

                              “Parlano d’amore i tuli-tuli-tulipan…” : questo è un ritornello che la nostra generazione ricorda a malapena, non so se lo terranno a mente quelle future, eppure lo interpretava il…
Leggi l'articolo

Gabriella Ferri: Roma nel cuore…

                                    “Ognuno ha tanta storia / tante facce nella memoria / tanto di tutto / tanto di niente / le parole di tanta gente / Tanto buio tanto colore /…
Leggi l'articolo

Erwin Schulhoff: le contraddizioni della vita

                            Se c’è un artista che rappresenta in modo esemplare la poliedricità dei movimenti musicali ed il moltiplicarsi degli stili compositivi nel Novecento, questo è senza dubbio Erwin Schulhoff. Nacque…
Leggi l'articolo

L’ultimo Brahms: “le berceuse della mia tristezza”

Fu ascoltando il clarinetto che Johannes Brahms decise di tornare alla composizione, da cui si era allontanato convinto di non aver più nulla da dire.Brahms amava questo strumento perché, scriveva…
Leggi l'articolo

La parabola del Wanderer, dal medioevo al Winterreise

Il viandante, in tedesco Der Wanderer, nella nostra mentalità latina è sempre stato colui che si sposta da un luogo all'altro, da una collettività all'altra, consapevole che la sua casa…
Leggi l'articolo

i gufi: il cabaret italiano, questo sconosciuto…

“Si può morire facendo il presidente/ si può morire scavando una miniera/ si può morire d'infarto all'osteria/ o per vendetta di chi non ha niente./ / Si può morire uccisi…
Leggi l'articolo

Kabarett in Weimar: dalla dolce vita berlinese all’orrore

Durante la Repubblica di Weimar, fra il 1919 e il 1933, la Germania conobbe una intensa fase di espansione artistica e culturale nonostante il periodo di forte recessione economica e…
Leggi l'articolo

Gesualdo, principe di Venosa: musica e sangue

"Un compositore tanto grande quanto inquietante" così scriveva Igor Stravinsky di Gesualdo da Venosa. Il suo nome, legato indissolubilmente alla musica ed alle sue forme, eccelse infatti in quella polifonica…
Leggi l'articolo

Jim Carroll: sporcarsi il cuore!

“Mary s’è fatta un tuffo senz’acqua dalla sua stanza d’albergo, Bobby s’è impiccato in galera, Judy è saltata incontro al metrò, Eddie si è beccato uno sgarro alla giugulare. Eddie,…
Leggi l'articolo

L’Apocalittica di Bruckner

‘’Meine Symphonie ist ein Mysterium’’ La Sinfonia n. 8 in do minore fu l'ultima sinfonia completata da Anton Bruckner e di essa vennero reperite diverse versioni, le principali delle quali…
Leggi l'articolo

Fabrizio De André e l’altra metà del cielo

Le donne delle canzoni di Fabrizio De André sono nomi che ciascuno ha pensato di sapere a memoria, di conoscere alla perfezione, intendo, per averle portate nella sua vita a…
Leggi l'articolo

Vecchio frac: dalla cruda realtà alla poesia

È la canzone che forse più di tutte ha segnato una svolta nel panorama italiano nel passaggio dalla canzonetta alla canzone d’autore. Con essa Modugno fece da battistrada a tutte…
Leggi l'articolo

Franz Schubert e Robert Schumann: la riscoperta di un genio

Quando Schumann arrivò a Vienna, Schubert era morto già da dieci anni e anche se era molto conosciuto nel mondo musicale, molte delle sue composizioni erano ancora da scoprire. Vivente,…
Leggi l'articolo

Laibach: la coscienza della provocazione

“Siamo fascisti nella stessa misura in cui Adolf Hitler fu un grande pittore”: è una delle loro dichiarazioni più famose. Il 26 settembre 1980 sui muri di Trbovlje, una grigia…
Leggi l'articolo

Tim Buckley: ​Il volo verso l’infinito dello Starsailor

Nel sentire il nome Buckley la maggior parte delle persone pensa a Jeff Buckley, il valido cantautore degli anni Novanta. Pochi purtroppo sono a conoscenza che, senza nulla togliere ai…
Leggi l'articolo

Ettore Petrolini: la maschera e la sofferenza

Gastone, ho le donne a profusione e ne faccio collezione… Gastone, Gastone. Sono sempre ricercato per le firme più bislacche perché sono ben calzato perché porto bene il fracche con…
Leggi l'articolo

Sir Edward Elgar e il suo concerto per violino

‘’Aquí está encerrada el alma de…..’’ Sir Edward Elgar, uno dei maggiori compositori inglesi di ogni tempo, ebbe la prima educazione musicale dal padre, organista nella chiesa di San Giorgio.…
Leggi l'articolo

l’Eroica di Beethoven: il trionfo dello spirito sulla materia

“Anch’egli non è dunque altro che un comune mortale! Ora calpesterà tutti i diritti degli uomini per soddisfare la sua ambizione… diventerà anche lui un tiranno…” Così si rivolse Beethoven…
Leggi l'articolo

Strange Fruit 

“Gli alberi del sud hanno uno strano frutto, Sangue sulle foglie e sangue alle radici, Corpi neri oscillano nella brezza del sud, Uno strano frutto appeso dagli alberi di pioppo.…
Leggi l'articolo

Vladimir Vysockij: l’urlo nel silenzio dell’est

‘’Sogno un gran falò E brucio nel mio sogno Aspetta un po’ col sonno poi Il senno arriverà.   Ma all’alba niente va No, nessuno danza Ti alzi, fumi, e…
Leggi l'articolo

Shostakovich: le Sinfonie del Terrore

Il 29 gennaio 1936, dopo l’esecuzione moscovita dell’opera “Lady Macbeth” sulla Pravda comparve una recensione così negativa da gelare il sangue all’autore, Shostakovic. “Caos anzichè musica: l’opera sembra voglia accarezzare…
Leggi l'articolo

Piotr Ilic Ciaikovskij

LA LETALE DIVERSITÀ Il più grande mistero nell’esistenza di Piotr Ilic Ciaikovskij riguarda la sua morte, sia in relazione alle sue modalità, sia rispetto alle cause che la provocarono. Da…
Leggi l'articolo

Gustav Mahler

LA SOLIDA PRECARIETÀ DEL GENIO “Comporre una sinfonia vuol dire creare un mondo e rappresentarlo con tutti i mezzi disponibili’”. Lo affermava con convinzione Mahler, ancor giovane studente al conservatorio…
Leggi l'articolo