Parole nella nebbia

Viaggio fra le parole perdute




tralignare



tralignare v. intr. [der. di linea, propr. «scostarsi dalla linea della propria parentela, dal proprio lignaggio», col pref. tra-] (io traligno, … noi traligniamovoi tralignate, e nel cong. traligniamotraligniate; aus. essere e più spesso avere). – Degenerare, deviare o allontanarsi dalle qualità, dalle caratteristiche positive proprie dei genitori e degli avi: tutti, in quella famiglia, sono sempre stati onesti e irreprensibili: solo lui ha tralignatogià il sangue non traligna mai nella porca plebe … a cui mi vanto d’appartenere (Rovani); con un compl. indiretto introdotto da dat. dalle tradizioni di specchiata onestà della famigliaper tutto traligna Da l’antica virtù el secol presente (Machiavelli); o anche, in rari usi poetici, da anon potrà alcun biasmarne Che mai traligni alla progenie mia (Ariosto). Per estens., non com., riferito a piante o ad altri soggetti, inselvatichirsi, perdere o alterare le proprie naturali qualità: quel susino sta tralignandociascuna [lingua] ha le sue formole, come le terre e i climi hanno i lor frutti, e quelle e queste tralignano o perdon di forza, a trasportarle in paese straniero (Bettinelli).

dal vocabolario Treccani

pecora nera



Iscriviti alla Newsletter di Latina Città Aperta

* campo obbligatorio
/ ( dd / mm )




Condividi
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *