Pause/ L’incredibile stambecco sfida la gravità

La vista spettacolare degli stambecchi che sfidano la gravità sul muro di una diga verticale in Italia, e tutto perché hanno un forte bisogno di alcuni degli elementi essenziali per la vita come il sodio.
Questo video è parte di un documentario della BBC “Forces of Nature” con Brian Cox.

Il secondo filmato fa parte di una serie di documentari della BBC sulla fauna selvatica curato dal famoso David Attenborough.
I pendii vertiginosi tengono le famiglie di stambecchi al sicuro dai predatori, ma, a volte, hanno bisogno di scendere in pianura per abbeverarsi e, in questo caso, le porta a contatto con una volpe.
Questo filmato ci offre una visione spettacolare delle giovani capre di montagna (stambecchi) mentre discendono una parete rocciosa a folle velocità per sfuggire alla volpe affamata.
Le grandi catene montuose sono alcuni dei paesaggi più spettacolari del pianeta, ma sono luoghi spietati e solo pochi animali hanno ciò che serve per sopravvivere a territori e altitudini estreme.
Planet Earth II: Mountains | Series 1 Episode 2 | BBC

Buona visione

Lo Stambecco è un erbivoro, può mangiare fino a 15 kg di erba al giorno, ma si ciba anche dei germogli di ginepro, di rododendri, di muschi e di licheni. Non è raro incontrare in montagna, ai lati delle strade, dei piccoli blocchi di sale destinati ai gruppi di stambecchi perché, come altre specie del genere Capra, è ghiotto di sale in quanto il suo organismo accusa un’effettiva esigenza di sodio, solitamente poco disponibile nei foraggi.
Si abbevera poco, accontentandosi spesso della rugiada mattutina. In primavera si nutre di arbusti dei quali apprezza soprattutto i germogli, e che bruca drizzandosi sulle zampe posteriori. In inverno le erbe secche sono la base dell’alimentazione ma compaiono anche arbusti (ontano verde) e licheni.
(fonte: Wikipedia)

Pause: Non sempre una pausa arresta un’attività producendo un momento di stallo, di sottrazione.
O non rappresenta solo un breve tempo di riposo.
Con la nostra nuova rubrica vogliamo invece valorizzare le pause che regalano qualcosa alla nostra vita, forme di arte o di linguaggio che aggiungano sale ad un momento qualsiasi della nostra quotidianità.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *