Ci vediamo Venerdì 5 Novembre


Il programma di Venerdì 5 Novembre

Il programma di tutti gli articoli di questa settimana

Davide Tamlaghtduff, in “John Millington Synge e l’aspra Irlanda delle Isole Aran”, racconta di come lo scrittore, poeta e drammaturgo Synge, su consiglio di W.B Yeats, approdò nell’aspra Irlanda delle Isole Aran. Fu una decisione che cambiò la sua vita e la sua carriera, regalando ai posteri un affresco di rara bellezza e verità.

Francesca Suale in “Nel vicolo dell’onestà”, riflette su un concetto, quello dell’onestà, che da sempre viene tirato in ballo, sia in faccende private che, soprattutto, in quelle pubbliche, soggiogando le masse, ma che viene spesso piegato ad interpretazioni di comodo, preso per la giacca, banalizzato e distorto.

Lino Predel, in “Sigismondo Malatesta e Isotta: una storia d’amore rinascimentale”, rievoca la figura, la vita e le imprese di Sigismondo Malatesta, signore di Rimini e di Fano, uomo d’armi di grande abilità, e del suo amore per la bella e intelligente Isotta.

Lallo Tarallo: Taruffi, soggiogato dalla bella Aishwarya, la turba coi suoi maschi lezzi, mentre Spampalon inizia ad ingelosirsi e prende a lanciare avvertimenti brutali. Tarallo prova a sedare la tensione, poi ci pensa Frangiflutti, in collegamento con l’Italia, a distrarre l’attenzione, portandola sui risultati elettorali nella loro città…
Tutto questo in “Baruffe taruffe e sorti elettorali per Tarallo”.

Erasmo dal Kurdistan in “Beata Ignoranza”, ragiona su quanta parte abbia l’ignoranza nella nostra vita, sia quella personale che quella pubblica, sulle degenerazioni permesse dal suo tracimare nei moderni mezzi di comunicazione e sulle sue funzioni di sicura garanzia per certa politica e di fardello per un paese.

Giuliana Zagra, coordinatrice del laboratorio “Lettura ad alta voce” dell’Associazione Monteverde attiva e promotrice del progetto “Rodari al telefo(ni)no, questa settimana ci propone la lettura de “A giocare col bastone”, tratta dalle celebri “Favole al telefono” di Gianni Rodari

Emy Miliucci, nell’ambito della sua rubrica “Diritto di ReCesso”, in “L’eroe”, racconta di come un semplice cittadino, messo dinanzi ad un dilemma civile, ad un bivio che potrebbe cambiare il suo destino più immediato, possa scegliere la via dell’eroismo, guadagnandosi, almeno in teoria, un proprio monumento…

Carlo Pavia, nella rubrica “ArcheoTour”, ci conduce alla scoperta della Roma sotterranea con una serie di mini-conferenze in video, della durata di circa 10 min ciascuna, curate in prima persona dall’autore. La mini-conferenza di questa settimana sarà dedicata a “I due Acquedotti superstiti”: Sono 2000 anni che ci portano l’acqua a Roma. E gli altri?

Fresia Erèsia: nella rubrica “Poesie a margine”, ci propone: “Queste conchiglie” di Vivian Lamarque

BDM: Il Profs questa settimana confessa qualche sorprendente idiosincrasia…

Latina Città Aperta: riscopre un’altra parola dimenticata nella rubrica “Parole nella Nebbia”

Sem Aforico: ci snocciola nuovi aforismi

Il nostro programma settimanale è interattivo: cliccando sul nome dell’autore sarai indirizzato alla pagina contenente gli ultimi suoi articoli

I nostri numeri aggiornati al 07/10/2021
145.015 utenti,
368.234 visualizzazioni, 
25 autori,
1.881 articoli pubblicati:
Grazie di seguirci!


Vi ricordiamo che potrete leggere tutti gli articoli, appena pubblicati, qui sul sito dalle ore 06:00 del Venerdì mattina.

Iscrivetevi alla nostra newsletter, utilizzando il modulo qui sotto, per rimanere sempre aggiornati su articoli e iniziative di Latina Città Aperta.

Realizzare e mantenere il nostro Blog/Almanacco costa davvero molto tempo e molto impegno. 
Abbiamo sempre cercato di inserire articoli interessanti e stimolanti.
Ora abbiamo bisogno del vostro sostegno.

Aiutaci a crescere, iscriviti alla newsletter, passa parola, condividi e commenta i nostri articoli, parla di noi a chi non ci conosce.

Contribuisci con una donazione, anche piccola, tramite il form “Donazione Paypal” che trovi sotto ogni articolo, nella barra laterale a destra del nostro sito o qui sotto.
Potrai pagare con carta di credito o conto Paypal (se già lo possiedi).
E’ un sistema sicuro e facile da usare.
Ci aiuterai a mantenere il sito attivo

Vi aspettiamo!

Condividi
  • 18
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *