Il tessuto intimo del nostro agire

di Leonardo Majocchi

Abbiamo sostenuto convintamente in campagna congressuale Nicola Zingaretti e l’idea di Piazza Grande, che reputo ancora valida.
In questi due anni di segreteria, con spirito critico, non ne ho sempre condiviso la linea politica e no, non parlo dell’alleanza con i 5stelle, rispetto a cui, anzi, riconosco il merito di aver quantomeno provato ad indicare una prospettiva rispetto ad un tema che culturalmente nel paese esiste.
E non mi riferisco neppure alla presunta debolezza caratteriale del Segretario e a tutta la relativa narrazione intrisa di mascolinità tossica nel lessico, nelle categorie politiche e nei paradigmi dell’analisi cui sarebbe anche ora di dire basta, nei nostri luoghi.
Il senso delle sue parole è il nostro dramma.
Quello che ha scritto in qualche migliaio di caratteri su Facebook, va detto con chiarezza, è la realtà del Partito Democratico in gran parte dei suoi livelli, Latina compresa. È quello che viviamo tutti i giorni, una continua tensione di equilibri, specchi e leve in cui se ti trovi ad essere minoranza di qualcosa (che tu sia giovane, donna, tacciato come “radicale” e altri miti) allora è tutto più complesso e se non “emergi” è anche un po’ colpa tua perché evidentemente non hai intraprendenza, non sei presente al momento giusto, il giorno giusto, sull’importantissimo giornale di Provincia, non capisci la politica contemporanea ma anche quelli del “si è sempre fatto così”. E infatti si vede.
Qui il tema non è chi a caso cita Machiavelli (magari!) – che pur basterebbe leggere – ma, per dare la misura del dramma, la sciatteria, talvolta goffagine (non saprei davvero come dire), con cui si applica persino il Cencelli.
Per dire.

Spesso con i miei amici fraterni, quelli che lavorano, riflettiamo su quanto tempo e quante energie, anche noi, impieghiamo per dirimere questioni e pratiche che con questi luoghi non dovrebbero avere nulla a che fare.

Quanto tempo che si potrebbe impiegare per stare con chi è solo. Con chi soffre. E la giustificazione per necessità non esiste, mi dispiace. Non può storicamente più essere accettata.


E allora, sul post di Zingaretti che, al netto della comunicazione, le strategie e del resto, per me è politicamente drammatico proprio in virtù del tempo di cui è figlio, si abbia coraggio. Ma veramente. Ho letto tanti appelli, di dirigenti, iscritti, mondi contigui; ho visto quello che hanno scritto e faranno domani le Sardine, credo possa essere positivo. Dovremmo aprire ovunque una discussione, lo faccia anche il PD locale, ne abbiamo bisogno.
Assunzioni di responsabilità o dichiarazioni di circostanza, puntualmente tradite, non bastano più a reggere la pesantezza di una prosa moralmente decadente.
Queste erano e sono anche alcune delle ragioni della battaglia che in qualche modo ci siamo provati a dare con i Giovani Democratici, con Respiro, con soggettività smarrite, tra mille limiti, provando ad animare un orizzonte.
Ma anche queste righe non potrebbero esaurirsi con un timido esercizio di autoreferenzialità. Prima di ciò, delle riflessioni sulla evidente destrutturazione e dello spostamento a destra del sistema politico, e di tutte le analisi che condivido, c’è un punto: la ridefinizione dei modi, del linguaggio, della pre-identità, dei paradigmi delle relazioni umane all’interno dei nostri luoghi e delle nostre categorie storiche.

C’è bisogno di smuovere il tessuto intimo del nostro agire, se di intimità si può parlare.

Leonardo Majocchi 20 anni, tra la pletora di avversi al mercato del lavoro che studiano Scienze Politiche alla Sapienza.
Molto di me ruota intorno alla politica: attività, ruoli, letture, studio, compagnie, ma non sono poi così grigio.
Vivere, seppur per qualche mese, in America Latina mi ha permesso di rivedere i canoni, tipicamente occidentali, con cui interpretavo la quotidianità, cambiandomi la vita.
“Forse ho sbagliato ideologia”.

Pensieri per la Città – Un’Agorà per Latina è la nuova rubrica-contenitore della nostra rivista blog, LatinaCittà Aperta.
Abbiamo, infatti, voluto affiancare al nostro settimanale, che come sapete tratta di argomenti che potremmo un po’ pomposamente definire di “cultura generale”, uno spazio, un’agorà di riflessione e di approfondimento intergenerazionale su temi della città che ci ospita, Latina, non limitandoci ad essa.
Ci si propone di istituire qualcosa di vivo, un luogo di confronto e di approfondimento, gestito da giovani, donne e uomini, forze fresche e consolidate intelligenze, persuase che la partecipazione e il confronto siano i cardini della buona politica.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *