Diritto di ReCesso: Elezioni

Emiliano “Emy” Miliucci, è l’Autore di questa rubrica di riflessioni e narrazioni, all’insegna dell’ironia e della ricerca dei paradossi quotidiani, intitolata “Diritto di ReCesso”.
Precisiamo che l’Autore, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, ha espresso la volontà di inserire, quale icona della Rubrica, l’immagine del luogo principe della sua attività speculativa.

S’avvicina lentamente
Con incedere elegante
Ha l’aspetto trasognato
Malinconico ed assente
Non si sa da dove viene
Né dove vaaa
Chi mai sarà?

No.

Non e’ l’uomo in frack.

Ma e’ un’altra figura tipica di questo periodo che si aggira per Latina.
In genere e’ una persona che conosci, ma poco.
Qualcuno con il quale normalmente si risolverebbe tutto con un saluto appena accennato e invece di questi tempi no.
Lo vedi che dopo il saluto si avvicina e sente il bisogno di sapere come stai.

– Bene grazie.
– A Casa? Tutto bene? Mamma?
– Bene bene.
– Tua nonna materna?
– E’ morta nel 1980 credo.
– Ah! Condoglianze.

Ed e’ qui che il figuro inizia a svelarsi per chi realmente e’…

– Senti maaaa… per le elezioni sei impegnato?
– Eh boh… dipende che giorno sono. Perche’?
Ma no, impegnato in quel senso. Dicevo impegnato in senso personale…
– Beh. Ho una famiglia, sto con Marzia da 20 anni e ho buone probabilita’ per credere che quando ci saranno le elezioni staremo ancora assieme. Perche’?
– Ma no! Dai… Intendevo chiederti se alle elezioni porti qualcuno.
– Beh a volte porto mia madre che non ha mai voglia di guidare.
– Ah ah, sei sempre il solito burlone!
– Intendevo chiederti se alle elezioni voti qualcuno.
– Eh beh. In genere si. Altrimenti che ci vado a fare a votare?

– Ah ah! Simpaticissimo come sempre. Io intendevo se gia’ hai deciso chi votare.
– Ahhhhh! Ora ho capito! No. Non ho deciso chi votare. Non so neanche chi siano i candidati. Perche’ me lo chiedi?
– No perche’ io
– Cioe’ mi stai dicendo che ti candidi???
– Eh si. Io non volevo, eh! Pero’ e’ giunto il momento di impegnarsi in prima persona che c’e’ bisogno del cambiamente che cambi il cambiamento che cambia.
– Ma e’ fantastico! Bravo guarda! Complimenti, complimenti vivissimi per questa tua nobile iniziativa.
– Ma quindi posso contare su di te e sulla tua splendida famiglia?
– In che senso?
– Contare sui vostri voti intendo.
– No.
– Ah!
– Ma dai scherzavo! Non rimanerci male. Non dico tutta la famiglia ma almeno uno della famiglia ti votera’.
– Ah. Gia’ e’ qualcosa. E chi della famiglia?
– La nonna materna.
– Ah Vabbe’…

Ed e’ cosi’ che un po’ deluso il figuro s’allontana…

Galleggiando dolcemente
E lasciandosi cullare
Se ne scende lentamente
Sotto i ponti verso il mare
Verso il mare se ne va
Chi mai sarà, chi mai sarà…

Emiliano nasce a Latina sotto il segno del Sagittario.
Secondo Paolo Fox è una persona solare, fedele, ironica ma che tende agli sbalzi d’umore.
Per i nati nella terza decade di Novembre Il colore preferito è il celeste il numero è il 7.
(Però Paolo Fox non ci prende spesso, infatti a me piace il blu e il mio numero fortunato è il 7815).
Uomo coraggioso che da sempre convive con l’orribile pregiudizio che la gente gli ha attaccato addosso e cioè quello di essere un sex symbol e quindi solamente un involucro senza cervello.
Da sempre impegnato nel sociale si batte per il riconoscimento dei diritti dei cervelli degli uomini molto belli.
Come nella migliore tradizione dei Play Boy, ha 3 donne.
Due giovanissime e molto belle, hanno il suo stesso cognome e ricoprono il ruolo di figlie. La terza, quella meno giovane è una sorta di compagna-coinquilina-moglie co.co.pro. Anche lei impegnata nel sociale presiede un’associazione per il recupero degli uomini che credono di essere molto belli ma stupidi e che in realtà non sono per niente belli.
Nel tempo libero adora lavorare mentre nella vita generalmente va in bicicletta.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *