Diritto di ReCesso: metti che…

Emiliano “Emy” Miliucci, è l’Autore di questa rubrica di riflessioni e narrazioni, all’insegna dell’ironia e della ricerca dei paradossi quotidiani, intitolata “Diritto di ReCesso”.
Precisiamo che l’Autore, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, ha espresso la volontà di inserire, quale icona della Rubrica, l’immagine del luogo principe della sua attività speculativa.

Ieri avevo da fare un viaggetto di un paio d’ore in macchina.

All’improvviso squilla il cellulare.
Un call center ma ultimamente ho bisogno di contatto umano.

cellurare in auto

E quindi…

– Pronto? – Salve signor Miliucci!
– Salve. Con chi ho l’onore?
– Sono Giorgio della XXX. La sto chiamando perche’ vedo che il suo compleanno si avvicina!
– Grazie Giorgio sempre carini voi della XXX.
– E siccome il suo compleanno si avvicina la XXX ha studiato un piano assicurativo proprio per lei!

– Fighissimo!!

– Bene. Dunque. A fronte di un’irrisoria cifra mensile lei sara’ assicurato contro svariate cose che possono capitarle. Cose poco belle da dire. Ma metti che…
– Ah! Tipo?
– Beh la gamma e’ ampissima. Partiamo dalle microfratture e le fratture un po’ piu’ serie anche senza ingessatura!
– Fantastico. Ho quasi voglia di spaccarmi un gomito!

uomo in ospedale completamente fasciato


– Se vuole la metto subito sotto copertura!
– Giorgio… sto scherzando!
– Ah! E poi c’e’ una ricca diaria ospedaliera e specialisti al suo servizio tipo il fisioterapista!
– Beh! Si avvicina il compleanno ma in fondo ho solo 41 anni, sto ancora dritto! – Eh ma metti che… – Ah, metti che. – E poi la polizza contempla anche infortuni piu’ gravi tipo un’invalidita’ permanente.
– Eh gia’, metti che…
– E infine contempla anche il caso estremo!
– Giorgio! Stai parlando della mia morte?

morte con orologio

– Eh. Speriamo di no ovviamente. Ma metti che…
– Eh metti che… cosa mi spetta?

– Alloraaaa!

– Puoi metterci meno enfasi?
– Ah si scusa. Ma nel caso della sua dipartita a sua moglie spetta un vitalizio di 1.500 euro per 36 mesi!!
– 18.000 mila l’anno per tre… ma Giorgio!
– Eh!

– C I N Q U A N T A Q U A T T R O MILA EUROOOO!

Un mare di soldi! Ho quasi voglia di schiantarmi!

Paperon de Paperoni

– Se vuole la metto subito sotto copertura!
– Giorgio! Diamine! Sto scherzando! E poi… purtroppo non sono sposato.
– Ah. Pero’ leggo qui che ha dei figli.
Metti che… Rimarrebbero a loro.
– Ah meno male. Pero’ non posso accettare. Non starei tranquillo.
– Come no?
– No Giorgio. Non sono sposato ma ho una compagna.
– Bene!
– Eh mica tanto. Quella la faccio incazzare spesso, sai?
– Eh… capita!
– Eh… pensa. M’ammazzerebbe gratis. Pensa se scoprisse che, metti che…, le danno pure 54.000 euro.
Tu dormiresti tranquillo Giorgio?
– Beh…
– Giorgio. Famo de no. Al limite se ci ripenso chiamo io.
Ci sentiamo.
E se non dovessimo sentirci speriamo sia a causa tua!
– In che senso?

– Beh Giorgio… metti che…

funerale in paese

Emiliano nasce a Latina sotto il segno del Sagittario.
Secondo Paolo Fox è una persona solare, fedele, ironica ma che tende agli sbalzi d’umore.
Per i nati nella terza decade di Novembre Il colore preferito è il celeste il numero è il 7.
(Però Paolo Fox non ci prende spesso, infatti a me piace il blu e il mio numero fortunato è il 7815).
Uomo coraggioso che da sempre convive con l’orribile pregiudizio che la gente gli ha attaccato addosso e cioè quello di essere un sex symbol e quindi solamente un involucro senza cervello.
Da sempre impegnato nel sociale si batte per il riconoscimento dei diritti dei cervelli degli uomini molto belli.
Come nella migliore tradizione dei Play Boy, ha 3 donne.
Due giovanissime e molto belle, hanno il suo stesso cognome e ricoprono il ruolo di figlie. La terza, quella meno giovane è una sorta di compagna-coinquilina-moglie co.co.pro. Anche lei impegnata nel sociale presiede un’associazione per il recupero degli uomini che credono di essere molto belli ma stupidi e che in realtà non sono per niente belli.
Nel tempo libero adora lavorare mentre nella vita generalmente va in bicicletta.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *