Diritto di ReCesso: Passioni pericolose

Emiliano “Emy” Miliucci, è l’Autore di questa rubrica di riflessioni e narrazioni, all’insegna dell’ironia e della ricerca dei paradossi quotidiani, intitolata “Diritto di ReCesso”.
Precisiamo che l’Autore, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, ha espresso la volontà di inserire, quale icona della Rubrica, l’immagine del luogo principe della sua attività speculativa.

Io adoro le donne che subiscono.

No.

Non e’ un discorso serio sulla violenza di genere.
Quella lasciamola un attimo da parte.

Una donna per definizione e’ sempre indaffarata.
Ha sempre 1.000 cose da fare.

Noi uomini ad una certa eta’ possiamo anche permetterci il lusso di annoiarci.

E allora ci infiliamo in passioni spesso pericolose e costose.
Che le donne, povere, appunto subiscono.

E li immagino i discorsi tra donne.

– Ah guarda! Il mio s’e’ dato al calcetto. E gia’ due volte che lo porto al pronto soccorso. La dottoressa, la seconda volta s’e’ arrabbiata con me “Lui e’ uomo, non capisce, ma lei signora mia, lo tenga a bada!”

– Zitta va. Sono 20 anni che cucino pranzo, cena e colazione. Ultimamente il mio s’e’ convinto di essere Cracco. S’e’ comprato pure il grembiule da chef. L’altro giorno per cucinare ha incasinato anche la cucina di quelli di sopra. E per provare a ripulire ha allagato anche quelli di sotto. Ma ha fatto una pasta col tonno in scatola che e’ la fine del mondo.

– Il mio e’ basico. Va in bicicletta. Sta ancora smaltendo l’euforia di quando ha imparato ad andare senza rotelle.

– Il mio s’e’ dato allo judo. E’ stato capace di spendere 1.500 euro da Decathlon per farsi riempire di mazzate 2 volte a settimana. Un genio.

– Il mio fa il marpione con le altre. Gliel’ho anche detto. Nell’improbabile ipotesi che trovi una che te la da avvisami che vengo a metterti il preservativo. Che tu non sei capace. E quella per dartela a te sicuro non ha il pollice opponibile.

E poi l’immancabile moglie del tifoso patologico.

– Pensa. Certe volte mi portava pure allo stadio. Du palle…

Ragazze abbiate pazienza.

Siamo cosi’. Dolcemente complicati.
Sempre più emozionati, delicati e a volte, anche un po’ cojoni.

Emiliano nasce a Latina sotto il segno del Sagittario.
Secondo Paolo Fox è una persona solare, fedele, ironica ma che tende agli sbalzi d’umore.
Per i nati nella terza decade di Novembre Il colore preferito è il celeste il numero è il 7.
(Però Paolo Fox non ci prende spesso, infatti a me piace il blu e il mio numero fortunato è il 7815).
Uomo coraggioso che da sempre convive con l’orribile pregiudizio che la gente gli ha attaccato addosso e cioè quello di essere un sex symbol e quindi solamente un involucro senza cervello.
Da sempre impegnato nel sociale si batte per il riconoscimento dei diritti dei cervelli degli uomini molto belli.
Come nella migliore tradizione dei Play Boy, ha 3 donne.
Due giovanissime e molto belle, hanno il suo stesso cognome e ricoprono il ruolo di figlie. La terza, quella meno giovane è una sorta di compagna-coinquilina-moglie co.co.pro. Anche lei impegnata nel sociale presiede un’associazione per il recupero degli uomini che credono di essere molto belli ma stupidi e che in realtà non sono per niente belli.
Nel tempo libero adora lavorare mentre nella vita generalmente va in bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.