Diritto di ReCesso: Lavaggio auto

Emiliano “Emy” Miliucci, è l’Autore di questa rubrica di riflessioni e narrazioni, all’insegna dell’ironia e della ricerca dei paradossi quotidiani, intitolata “Diritto di ReCesso”.
Precisiamo che l’Autore, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, ha espresso la volontà di inserire, quale icona della Rubrica, l’immagine del luogo principe della sua attività speculativa.

Ieri ho fatto una cosa che non faccio mai.

Quasi mai.

L’avro’ fatto 2 o 3 volte in vita mia.

Ma quando ti rendi conto che la vita tua e quella dei tuoi cari e’ in pericolo non puoi aspettare oltre.
In realta’ non credevo che la situazione fosse cosi’ drammatica.
Ma ad un certo punto un pupazzo a forma di maiale s’e’ infilato sotto il pedale del freno della mia auto.

Cosi’ ogni volta che provavo a frenare la macchina grugniva.
Tra l’altro il maiale di cui sopra prima di finire sotto il pedale del freno aveva cominciato a lamentarsi delle condizioni igienico sanitarie.

E quindi ho portato a lavare la macchina.

L’amico della Repubblica parlamentare Indiana che ha operato dentro la mia auto a fine lavoro mi ha consegnato 7 buste di cose varie reperite sul pavimento.

C’era di tutto.

Biscotti calcificati, pupazzi sgangherati, giornali, volantini, un gatto peluche, un gatto vero, bambole con la testa mozzata, alcune protesi dentarie, la gazzetta di quando Nibali ha vinto il tour, un paio di bollette scadute, la mia tessera elettorale (ecco dove cazzo stava) etc etc.

L’amico indiano nel riconsegnarmi le chiavi mi ha guardato negli occhi e mi ha detto:

– Tua macchina…

Poi ha cercato di soppesare le parole, ha frugato nei meandri del suo vocabolario e alla fine ha sentenziato:

– Tua macchina, merda.

Ho apprezzato la sincerità.

Gli ho anche lasciato pagato il caffe’.

Emiliano nasce a Latina sotto il segno del Sagittario.
Secondo Paolo Fox è una persona solare, fedele, ironica ma che tende agli sbalzi d’umore.
Per i nati nella terza decade di Novembre Il colore preferito è il celeste il numero è il 7.
(Però Paolo Fox non ci prende spesso, infatti a me piace il blu e il mio numero fortunato è il 7815).
Uomo coraggioso che da sempre convive con l’orribile pregiudizio che la gente gli ha attaccato addosso e cioè quello di essere un sex symbol e quindi solamente un involucro senza cervello.
Da sempre impegnato nel sociale si batte per il riconoscimento dei diritti dei cervelli degli uomini molto belli.
Come nella migliore tradizione dei Play Boy, ha 3 donne.
Due giovanissime e molto belle, hanno il suo stesso cognome e ricoprono il ruolo di figlie. La terza, quella meno giovane è una sorta di compagna-coinquilina-moglie co.co.pro. Anche lei impegnata nel sociale presiede un’associazione per il recupero degli uomini che credono di essere molto belli ma stupidi e che in realtà non sono per niente belli.
Nel tempo libero adora lavorare mentre nella vita generalmente va in bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.