Diritto di ReCesso: Call-center 2

Emiliano “Emy” Miliucci, è l’Autore di questa rubrica di riflessioni e narrazioni, all’insegna dell’ironia e della ricerca dei paradossi quotidiani, intitolata “Diritto di ReCesso”.
Precisiamo che l’Autore, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, ha espresso la volontà di inserire, quale icona della Rubrica, l’immagine del luogo principe della sua attività speculativa.

Hai un problema che non e’ dipeso da te, con un’azienda X e sei costretto a chiamarne il call-center.

Digiti 1, digiti 2, ascolti un quarto d’ora di musica di merda.

Si collega l’operatore virtuale che non capisce un cazzo.

– Hai detto che sei un pazzo?
– No ho detto che non capisci un cazzo, posso parlare con un operatore umano?
– Sei un pazzo che giochi con la mano?
– Nooooooo voglio parlare con un cazzo di umano!
– C’e’ un puzzo nostrano?
– Lascia stare…

Ridigiti 1, 2, 1.000 riesci finalmente a parlare con l’operatore che risponde da Itaglia e appena finisci di formulare la richiesta cade la linea.

Rinizi da capo.

Digiti 1,2, un milioneseicentoventiquattromila.

Riesci finalmente a parlare con un operatore (giustamente) scazzatissimo che ti dice che non puo’ farci nulla e devi chiamare l’altro numero.

Isomma, alla fine stabilisci che il problema che hai non e’ poi cosi’ grave.
Piuttosto che richiamare un altro numero ti tieni il problema.

E poi ti chiamano pure per sapere come e’ stata la tua esperienza col call center…

– Puo’ digitare un numero da 0 a 10 per esprimere il suo gradimento?
– No 🥺
– Che c’e’ signor Miliucci?

– Niente

Emiliano nasce a Latina sotto il segno del Sagittario.
Secondo Paolo Fox è una persona solare, fedele, ironica ma che tende agli sbalzi d’umore.
Per i nati nella terza decade di Novembre Il colore preferito è il celeste il numero è il 7.
(Però Paolo Fox non ci prende spesso, infatti a me piace il blu e il mio numero fortunato è il 7815).
Uomo coraggioso che da sempre convive con l’orribile pregiudizio che la gente gli ha attaccato addosso e cioè quello di essere un sex symbol e quindi solamente un involucro senza cervello.
Da sempre impegnato nel sociale si batte per il riconoscimento dei diritti dei cervelli degli uomini molto belli.
Come nella migliore tradizione dei Play Boy, ha 3 donne.
Due giovanissime e molto belle, hanno il suo stesso cognome e ricoprono il ruolo di figlie. La terza, quella meno giovane è una sorta di compagna-coinquilina-moglie co.co.pro. Anche lei impegnata nel sociale presiede un’associazione per il recupero degli uomini che credono di essere molto belli ma stupidi e che in realtà non sono per niente belli.
Nel tempo libero adora lavorare mentre nella vita generalmente va in bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.