Diritto di ReCesso: La Ricostituzione

Emiliano “Emy” Miliucci, è l’Autore di questa rubrica di riflessioni e narrazioni, all’insegna dell’ironia e della ricerca dei paradossi quotidiani, intitolata “Diritto di ReCesso”.
Precisiamo che l’Autore, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, ha espresso la volontà di inserire, quale icona della Rubrica, l’immagine del luogo principe della sua attività speculativa.

Di questi tempi sono tutti informatissimi riguardo temi medici.
La gente sa un sacco di cose.

Io invece mi sono ritrovato nell’incresciosa situazione di dover preparare l’antibiotico per mia figlia.
Un flacone in vetro contenente della polverina bianca da allungare con l’acqua e miscelare il tutto.

Si.

Ma quanta acqua?

Sulla bottiglietta ci sarebbe una inequivocabile linea rossa.

Pero’ va a sapere.

Le big Pharma, la dittatura sanitaria. Magari quei segni rossi sulle bottiglie li fa Bill Gates con la bic.
Quindi ho sentito un profondo bisogno di informarmi.

Volevo cercare su internet per vedere se c’era una qualche setta che sapeva tutta la verita’ sull’acqua necessaria per fare l’antibiotico.
O se magari tante volte Aranzulla avesse affrontato l’argomento in una qualche post sul suo blog.

Ma nulla.

Evidentemente i poteri forti hanno occultato tutto.

Quindi decido di consultare il bugiardino del medicinale e al paragrafo “Istruzione per la Ricostituzione” trovo il “chiarissimo” schema che allego in foto.

Quindi, basito dalla difficoltà dell’ operazione tiro fuori la calcolatrice scientifica a pannelletto solare, residuato del liceo.
Inizio a tirar giù calcoli complicatissimi.

Sudo.

Impreco.

Le dita vanno velocissime sui tasti.
DEVO CAPIRE!
Non ce lo dicono!
Anzi.
Non c’e’ lo dicono!
Mannaggia a Pasteur.

Ad un certo punto arriva mia figlia, 8 anni.
Prende la bottiglia va in cucina e aggiunge acqua fino alla linea rossa.

– Carlo’ porca miseria! Ma che hai fatto! Le big pharma! Io sono appena diventato un “No red line” e tu che fai?
– Papà? Hai finito?
– Ma finito cosa? Guarda cavolo!! Sta scritto pure sul bugiardino che non è una cosa così semplice come sembra! Che qua nessuno si prende la responsabilità!
– Papà?
– Eh?
– Quelle cose le scrivono per chi riesce a capirle.
Per te fanno la linea rossa sulla bottiglia.

– Ah…

Emiliano nasce a Latina sotto il segno del Sagittario.
Secondo Paolo Fox è una persona solare, fedele, ironica ma che tende agli sbalzi d’umore.
Per i nati nella terza decade di Novembre Il colore preferito è il celeste il numero è il 7.
(Però Paolo Fox non ci prende spesso, infatti a me piace il blu e il mio numero fortunato è il 7815).
Uomo coraggioso che da sempre convive con l’orribile pregiudizio che la gente gli ha attaccato addosso e cioè quello di essere un sex symbol e quindi solamente un involucro senza cervello.
Da sempre impegnato nel sociale si batte per il riconoscimento dei diritti dei cervelli degli uomini molto belli.
Come nella migliore tradizione dei Play Boy, ha 3 donne.
Due giovanissime e molto belle, hanno il suo stesso cognome e ricoprono il ruolo di figlie. La terza, quella meno giovane è una sorta di compagna-coinquilina-moglie co.co.pro. Anche lei impegnata nel sociale presiede un’associazione per il recupero degli uomini che credono di essere molto belli ma stupidi e che in realtà non sono per niente belli.
Nel tempo libero adora lavorare mentre nella vita generalmente va in bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.