Il Decreto Dignità

Il Consiglio dei ministri ha approvato, nel tardo pomeriggio dello scorso lunedì 2 luglio, il decreto dignità proposto da Luigi Di Maio, vicepremier e ministro dello Sviluppo economico, del lavoro e delle politiche sociali. La Lega, che ha appoggiato il decreto, nutre più di un dubbio sulle misure anti-precariato ma ritiene che si sia fatto un passo avanti.

Cosa dice il decreto dignità 

Le aziende che ricevono aiuti dallo Stato non potranno delocalizzare per 5 anni, pena una multa da due a 4 volte gli aiuti ricevuti, con un interesse maggiorato del 4%. Una norma che farà certamente discutere perché è dubbio che possa essere applicata a quelle imprese che dovessero scegliere di spostarsi in un paese Ue.

 

 

Lavoro e licenziamenti  

      
L’obiettivo è quello di scoraggiare le aziende a fare ricorso ai contratti a tempo determinato, preferendo quelli senza limiti di tempo. I datori di lavoro che dovessero ricorrere a un’assunzione temporanea dovranno pagare l’1,9% di contributo addizionale (oggi è all’1,4%) sulla retribuzione imponibile a scopi previdenziali.

A ogni rinnovo scatterà un’addizionale supplementare dello 0,5% a carico esclusivamente del datore di lavoro, fondi destinati a finanziare le casse della Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi). I contratti a tempo determinato non potranno avere durata superiore ai 24 mesi e potranno essere rinnovati al massimo per 4 volte, norma che si applica anche ai contratti attualmente in essere.

Per frenare i licenziamenti abusivi l’indennizzo riconosciuto ai lavoratori ingiustamente allontanati verrà aumentato del 50% e, in caso di licenziamento senza giusta causa, l’indennizzo potrà essere pari a 36 stipendi.

 

Per quanto riguarda gli insegnanti, parzialmente messi in ginocchio dalla sentenza con cui il Consiglio di Stato ha deciso, il 20 dicembre 2017, di privare dell’assunzione in ruolo chi è in possesso di un diploma magistrale, il decreto dignità fa slittare di 120 giorni il termine del licenziamento perché, come ha ribadito Di Maio, si tratta di “decine di migliaia di insegnanti”. La proroga servirà a trovare una soluzione.

 

Il tavolo con i rappresentanti dei rider non ha dato risultati concreti ma ha sortito la promessa di riconvocare una seduta entro la fine della settimana in corso per stabilire un compenso minimo, l’affiliazione a Inps e Inail e un contratto che descriva il tipo di lavoro da svolgere, anche al fine di stralciare il punteggio di reputazione del lavoratore su cui le aziende di food deliveryfanno affidamento.

 

Penalizzazioni per chi delocalizza  

 

Alle aziende che hanno ricevuto aiuti di Stato che delocalizzano le attività prima che siano trascorsi 5 anni dalla fine degli investimenti agevolati arriveranno sanzioni da 2 a 4 volte il beneficio ricevuto. Anche il beneficio andrà restituito con interessi maggiorati fino a 5 punti percentuali. In arrivo un meccanismo di “recapture” per l’iperammortamento in caso di delocalizzazione o cessione degli investimenti.

 

Pubblicità dei giochi d’azzardo  

    
Si tratta di una norma con parecchie eccezioni, non riguarda i contratti attivi e le lotterie con estrazione in differita, come per esempio la Lotteria Italia.

Sono esenti dai nuovi limiti i giochi che dispongono dei loghi di sensibilizzazione dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli. Di fatto si tende, così come si legge dal testo, del “rafforzamento della tutela del consumatore e per un più efficace contrasto alla ludopatia, a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto è vietata qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet”. Le sanzioni saranno pari al 5% del valore, ma al minimo 50mila euro.

 

L’aspetto fiscale    

   
I coefficienti del redditometro andranno rivisti: ricordiamo che il redditometro è un insieme di indici che considerano i beni posseduti da un contribuente e i servizi di cui ha goduto per stimarne il reddito. Modifiche previste anche per lo spesometro, il cui termine per gli annunci è stato imposto al 28 febbraio e non più a fine settembre. Con il termine spesometro si intende l’obbligo che hanno aziende, lavoratori autonomi e titolari di partite Iva, di comunicare all’Agenzia delle entrate i dati delle fatture emesse che superano i 3.000 euro o degli scontrini o ricevute fiscali superiori a 3.600 euro.

Il decreto sancisce anche la fine dello split payment, il meccanismo con cui la Pa versa l’Iva direttamente al fisco e non al fornitore che ha emesso fattura.

 

Il cuneo fiscale   

      
Nella legge di bilancio ridurremo il costo del lavoro”, ha promesso Di Maio a margine del Consiglio dei ministri perché, ribadisce, tutto quanto è stato disposto con il decreto dignità è imprescindibile da un minore peso di tasse e imposte sulla busta paga. Secondo la rilevazione dello scorso mese d’aprile fatta dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) i contributi sociali a carico di lavoratori e datori di lavoro in Italia ammonta al 47,7% della busta paga. La media Ocse è del 35,9% (inferiore di quasi 12 punti percentuali). Peggio dello Stivale solo il Belgio (53,7%) e la Germania (50%).

Questi i punti fondamentali del decreto che si sviluppa in 12 articoli: perché diventi operativo è necessaria la firma del Presidente della Repubblica, che in questi giorni si trova in visita di Stato nei Paesi Baltici. Da quel momento si avvierà il passaggio nei due rami del Parlamento che avranno 60 giorni per procedere all’approvazione definitiva.

Molti sono però già i pareri contrari o almeno dubbi degli addetti ai lavori e delle diverse forze politiche sul provvedimento…

“To be continue” verrebbe da dire, come nei film, rimandiamo alla settimana prossima analisi critiche e commenti per capirne di più sui primi passi mossi dal nuovo Esecutivo sul tema Lavoro.

Condividi
  • 23
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *