Al concerto di Battiato

battiato

Vagavo dalle parti di Piazza Venezia, a Roma, nella vana ricerca di un parcheggio, quando, da un vicolo laterale, fa capoccella una vecchia conoscenza, che si sbraccia per richiamare la mia attenzione.

“A Era’, vie’ qua che t’ho tenuto ‘r posto, offro io.”

Era Lello, il parcheggiatore nomade, che mi suggeriva di mettere la macchina in probabile divieto di sosta, come se mi stesse invitando ad entrare a casa sua.

parcheggiatori_abusivi

Lello non è nomade per etnia, ma perché è titolare, a suo dire, di svariati posti di lavoro sparsi per la città eterna. La sua esperienza lo guida a presidiare questo o quello, in funzione di un suo personale algoritmo mentale programmato per massimizzare le entrate.

“Grazie Lello”, gli faccio uscendo dalla macchina, “come butta?”

“Machettedevodadì, qua c’è molta crisi e pure l’umore d’a ggente peggiora. Mo, pe’ fatte capi’, questa t’ ‘a vojo racconta’, che è fresca fresca.
Stavo ar posto mio a Tor di Quinto, che ce stava ‘r concerto de coso, quello che canta de cignali, de bonzi… che ‘n se capisce ‘n cazzo de che parla.”

“Battiato” azzardo io, tirando a indovinare.

“Ecco bravo Era’, proprio lui. Se vede che tu sei studiato. La serata promette bene, che quello piace ai vecchi, era già vecchio pure vent’anni fa. Che i ggiovani, quanno parcheggiano, dicono che ‘n cianno sordi, però 70 euri pe’ annà a senti’ uno che parla ‘nvece de canta’ li trovano. I vecchi quarcosaaruzzano, che nun je piace fa’ ‘a figura de’ pezzenti.

Intanto, poco dopo che so’ arivato e me so’ piazzato, tra Checco e Er Cecato, ariva uno che se mette a fa’ ‘r disinvolto dalla parte mia. Ah bbello, che tte serve? Quello fa la faccia da sfigato e dice che c’ha bisogno. Dimmelammé… Je dico de spostasse più dellà, che Er Cecato ce vede poco e, se nun fa casino, qualche maghina se la sfanga. Quello me ringrazia e se sposta. Nun lo sa che Er Cecato ce vedrà pure poco, ma si t’acchiappa c’ha du’ mano…

Nzomma le cose vanno benino, i vecchi so’ ‘na garanzia. Certo, parecchie monete, ma pure quarche bijetto santo e benedetto. A ‘n certo momento ariva ‘na bella BMW tutta luccicante. Indico ‘r posto che manco i parcheggiatori d’aeri a Fiumicino… Scenne uno abbastanza ggiovane, vestito come pe’ annà a ‘n matrimonio.

Appena i du’ piedi stanno pettera, senza manco annà a apri’ ‘a porta alla sua bbella, me punta e fa il tesserino da parcheggiatore?

Io, senza manco pensacce Dottore buonasera, il tesserino è rimasto nel taschino della mia camicia e mia moglie lo ha messo in lavatrice.

Quello manco me fa finì che me dà dell’abbusivo. E se non pago? insinua con aria da sbirro.

Potrebbe essere pericoloso per la sua auto, faccio io con faccia innocente.

Quindi mi sta minacciando e ricattando…

Ma per chi mi ha preso? metto su l’espressione indignata.Qui ci stanno dei disperati che non c’ha n’idea: tossici, stracomunitari, ggente che te sfonna‘r finestrino pe’ fregasse i spicci dar posacenere.

Approposito, Erasmo mio, ma se nei posacenere ce stanno i spicci, le cicche ‘ndo le buttano?”

“Pe’ strada, caro Lello, sennò da ‘ndo partono tutti ‘sti incendi?”

“Ggiusto! Vado avanti cor mi’comizzio e je dico Invece le macchine che guardo io non le tocca nessuno.

Quindi lei sta qui fino alla fine del concerto?

Certo!

Allora la pago all’uscita.

Che fa, nun se fida? E se poi lei, alla fine, sale in macchina e mi saluta col gesto dell’ombrello? M’è già capitato, sa? Però, vista tutta ‘sta fiducia, famo così: me dà la metà subbito, l’artra metà all’uscita. Fanno du’ euri e mezzo.

Ho solo una moneta da due euro.

Vabbè, me vojo fida’ de lei che c’ha ‘n’aria da signore.

Quello caccia il grano, prende la su’ bbella sotto ar braccio e s’avvia all’ingresso con passo sostenuto, manco dovesse annà a ritira’ ‘r premio Nobbel.

“Quindi ti è toccato rimanere fino alla fine, per dimostrargli che sei di parola e prenderti gli altri 3 euro.”

3euro

“Chi, io? L’incasso era stato bbono, appena iniziata ‘a musica so’ corso ar chiosco derporchettaro, che m’aveva tenuto ‘n fresco ‘na cassa de bira. Che, me la volevi fa’ scallà??”

Tanto il vostro Erasmo dal Kurdistan vi doveva, senza nulla a pretendere.

 


 

 

 

 

 

Condividi
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *