A una lumaca, di Marianne Moore

A una lumaca

Se la concentrazione è il primo dono dello stile,
tu la possiedi. La contrattilità è una virtù,
così come modestia è una virtù.
Non già l’acquisizione di una cosa qualsiasi
capace di adornare,
o la qualità incidentale che per avventura
si accompagni a qualcosa di ben detto,
non questo apprezziamo nello stile,
ma il principio nascosto:
nell’assenza di piedi, un metodo di conclusioni;
una conoscenza di princìpi,
nel curioso fenomeno della tua antenna occipitale.
Dopo, ti senti un genio. Ti senti felice.

Marianne Moore

Marianne Moore è nata a Saint Louis (Missouri) nel 1887 (morta a New York nel 1972), diresse «The Dial» nel 1925-29, anno in cui la rivista cessò le pubblicazioni. La prima raccolta delle sue Poesie (Poems, 1921) apparve a sua insaputa per iniziativa di R. McAlmon e Hilda Doolittle, sua compagna di studi al Bryn Mawr. Ha scritto poi: Il pangolino e altre poesie (The pangolin and other verse, 1936), Che cosa sono gli anni (What are years, 1941), Cionondimeno (Nevertheless, 1944), Poesie scelte (Collected poems, 1951, con introduzione di Eliot), le successive raccolte scarne ed essenziali furono pubblicate in Tutte le poesie (The complete poems, 1967) mentre postume apparvero Poesie incompiute (Unfinished poems, 1972). Del 1954 è la splendida traduzione delle “Favole” di La Fontaine. Tra gli sperimentalisti nordamericani Moore occupa un posto di rilievo accanto a Stevens e a Williams. Distaccata, ironica, sottilmente intellettuale, incide sulla pagina disegni vertiginosi per grazia e intensità. La “compressione” sintattica del suo verso è legata a un ritmo sillabico aspro e irregolare, giocato sulla sordina delle cadenze di occulte rime interne. I suoi bestiari poetici popolati di animali rari o favolosi (struzzi pavoni basilischi pellicani unicorni) sono resi con imparziale esattezza scientifica e sembrano indicare il fondamento della sua disciplina fantastica: nell’osservare e nel descrivere precisamente è la matrice dell’invenzione.

Fresia Erésia è l’eteronimo dietro il quale si cela una poetessa eretica per vocazione, un animo sensibile che ha trovato libera espressione solo attraverso la scrittura poetica.
Pensare in versi sciolti è ciò che le riesce meglio: poesie, aforismi e suggestive metafore per lo più si perdono tra nuvole di pensieri e solo a volte si fermano sulla carta per restare.
Scoperta per caso da un anziano poeta che era in cerca della sua Musa, Fresia viene riconosciuta per alcuni versi giovanili come un talento naturale del genere “diamante grezzo non ancora lavorato”.
La poetessa è solita affermare però che il peggio che le potrebbe capitare sarebbe proprio di finire sfaccettata su commissione da un talent scout seriale, per questa ragione mantiene l’anonimato e non si mostra mai in pubblico.


Iscriviti alla Newsletter di Latina Città Aperta

* campo obbligatorio
/ ( dd / mm )

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *