Requiem per un parrucchiere di Jan Wagner

Requiem per un parrucchiere

poiché tutto riposa il lunedí, ora solo lunedí rimane.
coprite gli specchi. smussate alle forbici le lame.

chi farà ruotare e frizionare le dita finché lo shampoo
non diventi una nuvola sopra di noi, chi dirigerà il suo

entourage di flaconi, gli olî nello scaffale e il profumo con
mano sottile? chi accende ora il grande organo dei fon,

lasciandolo muggire, lasciandolo montare?
prendete dalle tinte il nero, mischiatelo con le chiare.

poiché ora nessuna mantella ricadrà piú sul corpo sontuosa
e lenta come una tenda, e chi si ferma non sa

piú cosa ci sia da trovare, cosa si debba cercare,
ma solo che i capelli continuano a crescere, a proliferare.

Jan Wagner

Jan Wagner è nato nel 1971 ad Amburgo. Vive a Berlino. Vincitore del prestigioso premio Büchner nel 2017, è uno dei piú affermati poeti tedeschi di oggi.
In Germania ha pubblicato sette raccolte di poesia. Variazioni sul barile dell’acqua piovana è la sesta, del 2014, in Italia edita da Einaudi.  Alcune altre sue poesie sono state tradotte in una plaquette pubblicata da LietoColle.

Fresia Erésia, eteronimo di una poeta la cui identità è sconosciuta. Vive in subaffitto nella di lei soffitta, si ciba di versi sciolti, di tramonti e nuvole di panna. Nasconde le briciole dei tetti sotto la tovaglia e i trucioli di limature di strofe sotto il tappeto. Compone e scompone, mescola le carte, si cimenta e sperimenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.