Ci vediamo Venerdì 31 Dicembre


Il programma di Venerdì 31 Dicembre

Il programma di tutti gli articoli di questa settimana

Davide Tamlaghtduff, in “Nathaniel Hawthorne, un breve ricordo”, traccia un ritratto della vita e delle opere dello scrittore ottocentesco americano, autore della “Lettera scarlatta” e di racconti straordinari che gli valsero il successo e la stima di grandi colleghi, come, ad esempio, Melville

Lino Predel, in “La strage di Aigues-Mortes”, ricorda un episodio di pogrom per odio razziale, compiuto ai danni dei lavoratori italiani che stagionalmente prestavano opera nel durissimo comparto dell’estrazione del sale ad Aigues-Mortes, in Francia, una strage dimenticata per ragioni di vigliaccheria diplomatica.

Francesca Suale in “La poesia si mangia” ci trasmette le sensazioni diafane e alte che la poesia può infonderci, svelando alcuni aspetti della natura della nostra più antica e spirituale forma di comunicazione.

Klaus Troföbien in “Botti di Capodanno anni ’60” rievoca una storia di fine anno negli anni Sessanta, nella quale una famiglia tipo, con esiti tragicomici, fa il suo primo incontro con i botti di capodanno e con i loro effetti.

Lallo Tarallo: L’ennesimo necrologio beffa, non purgato dal revisore di bozze, fa infuriare il Direttore del Fogliaccio, Ognissanti Frangiflutti, che convoca Tarallo e Taruffi nel suo ufficio per provvedimenti che si riveleranno di portata estrema.
Tutto questo in “La diaspora di Tarallo e Taruffi”.

Giuliana Zagra, coordinatrice del laboratorio “Lettura ad alta voce” dell’Associazione Monteverde attiva e promotrice del progetto “Rodari al telefo(ni)no, questa settimana ci propone la lettura di “Quella mattina al Trullo”, tratta da “La torta in cielo” di Gianni Rodari

Francesca Suale in “Con un petardo… nel cuore”, attraverso la storia esemplare di un cagnetto, dimostra l’inutilità, anzi la dannosità, del malcostume dei botti di fine anno.

Emy Miliucci, nell’ambito della sua rubrica “Diritto di ReCesso”, in “Il finanziamento” trascrive lo spassoso, quasi surreale, dialogo telefonico con un funzionario di banca addetto alla concessione di crediti.

Carlo Pavia, nella rubrica “ArcheoTour”, ci parlerà de “L’anfiteatro Flavio o Colosseo” seconda parte

Fresia Erèsia: nella rubrica “Poesie a margine”, ci propone: “Dolcezza” di Francesca Suale. Un’occasione per leggere una lirica della nostra cara compagna di avventure in LCA, tratta dalla sua nuova raccolta.

BDM: Il Profs fa i conti con la frustrazione nei confronti dell’ennesima quarantena, questa volta Natalizia!

Latina Città Aperta: riscopre un’altra parola dimenticata nella rubrica “Parole nella Nebbia”

Sem Aforico: ci snocciola nuovi aforismi

Il nostro programma settimanale è interattivo: cliccando sul nome dell’autore sarai indirizzato alla pagina contenente gli ultimi suoi articoli

I nostri numeri aggiornati al 22/12/2021
162.592 utenti,
420.423 visualizzazioni, 
25 autori,
1.960 articoli pubblicati:
Grazie di seguirci!


Vi ricordiamo che potrete leggere tutti gli articoli, appena pubblicati, qui sul sito dalle ore 06:00 del Venerdì mattina.

Iscrivetevi alla nostra newsletter, utilizzando il modulo qui sotto, per rimanere sempre aggiornati su articoli e iniziative di Latina Città Aperta.

Realizzare e mantenere il nostro Blog/Almanacco costa davvero molto tempo e molto impegno. 
Abbiamo sempre cercato di inserire articoli interessanti e stimolanti.
Ora abbiamo bisogno del vostro sostegno.

Aiutaci a crescere, iscriviti alla newsletter, passa parola, condividi e commenta i nostri articoli, parla di noi a chi non ci conosce.

Contribuisci con una donazione, anche piccola, tramite il form “Donazione Paypal” che trovi sotto ogni articolo, nella barra laterale a destra del nostro sito o qui sotto.
Potrai pagare con carta di credito o conto Paypal (se già lo possiedi).
E’ un sistema sicuro e facile da usare.
Ci aiuterai a mantenere il sito attivo

Vi aspettiamo!

Condividi
  • 18
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *