Giorno: 21 Agosto 2020

Protofollia per la banda Tarallo

In seguito alla soffiata dell'origliatrice Mata, la tribù andò tutta in subbuglio.Con tutta probabilità, il misterioso ospite della signora del supermercato avrebbe potuto essere il fuggiasco martire Proto: il problema…
Leggi l'articolo

Bobi Bazlen, il più celebre degli sconosciuti.

Si può essere una figura assolutamente decisiva nel campo del libro e della cultura in Italia senza aver pubblicato alcunché in vita?La risposta non può che essere affermativa se si…
Leggi l'articolo

Amori stesi: emozioni o sentimenti?

C’è chi elenca le sue molteplici conquiste in amore a riprova di essere un grande amatore, passando indenne o quasi da un’emozione all’altra, lasciandosi dietro una scia di cuori infranti…
Leggi l'articolo

H. R. Giger e gli Emerson Lake & Palmer

Era il 19 Novembre del 1973, ricordo bene anche il giorno perchè era appena trascorso il mio compleanno, quando arrivò la notizia dell’uscita del nuovo album di un gruppo britannico…
Leggi l'articolo

Strange Fruit 

“Gli alberi del sud hanno uno strano frutto,Sangue sulle foglie e sangue alle radici,Corpi neri oscillano nella brezza del sud,Uno strano frutto appeso dagli alberi di pioppo.Scena pastorale del prode…
Leggi l'articolo

La striscia di BdM #15

VIGNETTE OVVERO L’ELABORAZIONE DEI MICRO-LUTTI QUOTIDIANI Avviene ogni volta che suona la campanella dell'ultima ora. È lo strappo dalla connessione che per 5 ore mi ha tenuto collegato alle file…
Leggi l'articolo

Parole nella nebbia

Viaggio fra le parole perdute congèrie congèrie s. f. [dal lat. congeries, der. di congerĕre «ammucchiare, ammassare»]. – Mucchio, ammasso confuso di cose, anche non materiali: c. di oggetti disparati; una c. di nozioni mal digerite. dal vocabolario…
Leggi l'articolo

ArcheoTour: ROMA E IL CULTO DEI MORTI 3

La chiesa di Santa Maria della Concezione dei Cappuccini, o Nostra Signora della Concezione dei Cappuccini, è un luogo di culto cattolico di Roma situata al nr. 27 di via…
Leggi l'articolo

La stanzioncina di Torre Annunziata, di Antonia Pozzi

  La stanzioncina di Torre Annunziata C'era un disordinato andirivienidi valige sfrangiate, penzolonisu ghette e scarpe gialle da provincia,che schizzavano dentro l'atrio grigiodagli sbadigli bianchi delle porteaperte sulla piazza e…
Leggi l'articolo