Categoria: CINEMA

Un film da (ri)scoprire: Rosso come il cielo (2006) di Cristiano Bortone

Toscana, 1970. A causa di un incidente con il fucile di suo padre, il decenne Mirco (Luca Capriotti) perde definitivamente la vista; e di conseguenza, è costretto a portare avanti…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Hannah Takes the Stairs (2007) di Joe Swanberg

Il manifesto del film Hannah (Greta Gerwig) è una sceneggiatrice trentenne impegnata nella stesura di uno show televisivo insieme ai coetanei Paul (Andrew Bujalski) e Matt (Kent Osborne), con i…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Tesis (1996) di Alejandro Amenábar

Manifesto originale Madrid, 1995. Ángela (Ana Torrent, La piovra 5-6) è una studentessa di cinema che sta preparando una tesi sulla violenza nella settima arte. Oltre al suo relatore, si…
Leggi l'articolo

Luchino Visconti: Gruppo di famiglia in un interno

Nei miei giovani anni di mattina avevo allegrezza,Di sera lagrime, ora che ho più età,Comincio dubbioso il mio giorno,Ma sacra e serena è per me la sua fine. Friedrich Hölderlin…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: L’événement (2021) di Audrey Diwan

“Forse il vero scopo della mia vita è soltanto questo: che il mio corpo, le mie sensazioni e i miei pensieri diventino scrittura, qualcosa di intellegibile e di generale, la…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Wings (Ali, 1927) di William A. Wellman

Vi siete mai chiesti quale fosse esattamente il primo lungometraggio ad aver vinto un Oscar per il “miglior film?” In un articolo antecedente vi ho parlato di Sunrise (Aurora, 1927)…
Leggi l'articolo

Giovanni Pastrone, l’uomo che inventò il cinema italiano

Giovanni Pastrone è un nome noto a Torino, così come il titolo del suo “Cabiria”: ma quanti sanno davvero chi fosse o hanno visto quel film?Considerato il padre del cinema…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Private (2004) di Saverio Costanzo

In una casa che si trova a pochi metri da un villaggio palestinese, e poco distante da un insediamento israeliano, ci vive un professore di letteratura inglese con la sua…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Adua e le compagne (1960) di Antonio Pietrangeli

Qualche cinefilo penserà sicuramente che questo film non sia esattamente da (ri)scoprire perché è già stato visto, e probabilmente avrà ragione; ma siccome è passato un mese dalla scomparsa di…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: La chiave di Sara (2010) di Gilles Paquet – Brenner

“A volte le storie che non riusciamo a raccontare sono proprio le nostre; ma se una storia non viene raccontata diventa qualcos’altro: una storia dimenticata.” Il manifesto italiano Anche se…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Giorni perduti (1945) di Billy Wilder

Ai tempi dell’università, Don Birnam (Ray Milland) era considerato un genio. Oltre a farsi chiamare “Hemingway” dai suoi colleghi, era riuscito a far pubblicare qualche novella su una rivista letteraria.…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: La Freccia Azzurra (1996) di Enzo D’Alò

“Tutti i giocattoli del mondo non valgono un amico.” (Gianni Rodari) Come dice il narratore che introduce questo gioiello d’animazione, i bambini italiani sono i più fortunati, perché durante l’Epifania…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Incontriamoci a Saint Louis (1944) di Vincente Minnelli

Nella ridente città di Saint Louis, Missouri, dove si svolge una fiera annuale, ci vive una famiglia numerosa composta da padre, madre, nonno, quattro figlie, un figlio e una domestica.…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Anastasia (1956) di Anatole Litvak

Parigi, 1928. Una giovane donna stava per gettarsi nel fiume prima di essere braccata da tre uomini: uno di loro è il generale Sergej Pavlovic Bounine (Yul Brynner), che un…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Angoscia (1944) di George Cukor

Il manifesto originale e quello italiano Londra, epoca vittoriana: la famosa soprano Alice Alquist è stata uccisa nella sua abitazione. L’unica testimone è sua nipote Paula (Ingrid Bergman), anche se…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Rita la zanzara (1966) di Lina Wertmüller

Durante la visione del documentario Dietro gli occhiali bianchi (2015) – ora disponibile su MUBI – la regista Lina Wertmüller ha detto che dopo aver girato la sua opera prima,…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Aurora (1927) di Friedrich Wilhelm Murnau

Il primo film hollywoodiano del regista tedesco Friedrich Wilhelm Murnau (Nosferatu il vampiro, 1922; L’ultima risata, 1924; Tartufo, 1925) racconta la storia di un contadino con moglie, figlio e suocera…
Leggi l'articolo

Luigi Vannucchi, un grande attore dimenticato

Circa quarant’anni fa, il 29 agosto 1978, moriva a Roma Luigi Vannucchi, un grande attore oggi quasi dimenticato, ma che fu protagonista per quasi tre decenni della scena teatrale e…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Al di là del bene e del male (1977) di Liliana Cavani

“Due cose vuole il vero uomo: pericolo e gioco. Perciò vuole la donna, come il giocattolo più pericoloso.” (Friederich Nietzsche, Così parlò Zarathustra) Manifesto originale Il filosofo Friedrich “Fritz” Nietzsche…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Sugarland Express (1974) di Steven Spielberg

Come ci ha rivelato la didascalia iniziale, l’esordio cinematografico di Steven Spielberg – dopo svariati cortometraggi come Amblin’ (1968) e il film televisivo Duel (1971) – è tratto da un…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Les parapluies de Cherbourg (1964) di Jacques Demy

Riuscite ad immaginare un film in cui tutti i personaggi cantano senza danzare e parlare? Se cercate qualcosa di simile Les parapluies de Cherbourg potrebbe fare al caso vostro. Il…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: 4 passi fra le nuvole (1942) di Alessandro Blasetti

Quanto ci si guadagna con la generosità? Dipende dalle persone che incontri. Lo imparerà a sue spese il commesso viaggiatore Paolo (Gino Cervi), incaricato nel vendere porta a porta –…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Sotto accusa (1988) di Jonathan Kaplan

All’esterno di un locale, un ragazzo telefona al pronto intervento per denunciare uno stupro. In quello stesso istante, la cameriera Sarah Tobias (Jodie Foster) esce proprio da quel locale, con…
Leggi l'articolo

Akira Kurosawa, Sogni

Un bambino spia le volpi nel bosco; un bambino sgridato dagli spiriti dei peschi sradicati; quattro uomini in una tormenta di neve; un soldato, in un tunnel, incontra i compagni…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Wasp (2003) di Andrea Arnold

Denford, Gran Bretagna: Zoe è una madre single con quattro figli che si nutrono solamente di patatine e Coca – Cola. In casa c’è solo pane ammuffito e nient’altro di…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Il buio oltre la siepe (1962) di Robert Mulligan

Atticus aveva ragione. Una volta aveva detto che non si conosce realmente un uomo se non ci si mette nei suoi panni e non ci si va a spasso. (Harper…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Il bacio della pantera (1942) di Jacques Tourneur

Oliver Reed (Kent Smith), un architetto navale americano, incontra ad uno zoo newyorkese Irina (Simone Simon), una disegnatrice di moda serba; per essere precisi si incontrano davanti ad una pantera…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Le lacrime amare di Petra von Kant (1972) di Rainer Werner Fassbinder

Petra von Kant (Margit Carsten) è una stilista di fama mondiale con due matrimoni alle spalle, una figlia in collegio e un’assistente apparentemente muta, Marlene (Irm Hermann), che le prepara…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Anna dei miracoli (1962) di Arthur Penn

Il Manifesto originale Alabama, fine Ottocento: la dodicenne Helen Keller (Patty Duke) è sordocieca fin da quando aveva diciannove mesi. I suoi genitori, mossi dalla pietà e dall’impazienza, le permettono…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Mignon è partita (1988) di Francesca Archibugi

“Come fui sul sedile accanto a Silvestro, nascosi il volto sul braccio, contro lo schienale. E dissi a Silvestro: - Senti. Non mi va di vedere Procida mentre si allontana…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Stories We Tell (2012) di Sarah Polley

“E figlie so’ffiglie … e so’ tutte euguale!”(Filumena Marturano di Eduardo De Filippo) Undici anni prima di vincere l’Oscar per Women Talking, la regista, sceneggiatrice ed ex attrice Sarah Polley…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Cabaret (1972) di Bob Fosse

Berlino, 1931: Brian Roberts (Michael York), uno studente inglese di lingue moderne, si stabilisce in una pensione, dove incontra Sally Bowles (Liza Minnelli), una cantante e ballerina del Kit-Kat di…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Signora per un giorno (1933) / Angeli con la pistola (1961) di Frank Capra

Nella New York della Grande Depressione, una mendicante alcolizzata nota come “Apple Annie” (May Robson/Bette Davis) vende quotidianamente delle mele ad un gangster superstizioso, conosciuto con il nominativo di “David,…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Les chansons d’amour (2007) di Christophe Honoré

La relazione tra Ismaël (Louis Garrel) e Julie (Ludivine Sagnier) è in fase di stallo da molti anni; per questo motivo intrattengono un ménage à trois con Alice (Clotilde Hesme),…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Intervista (1987) di Federico Fellini

Esterno. Cinecittà. Notte. Una fila di macchine e camion percorrono i viali degli studi cinematografici, mentre il reparto fotografia sta montando un dolly per riprendere dall’alto il Teatro 5. Nello…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Un angelo alla mia tavola (1990) di Jane Campion

Janet Frame è nata a Dunedin, Nuova Zelanda, il 28 agosto 1924 ed è deceduta nel suo luogo natìo il 29 gennaio 2004. È cresciuta in una famiglia povera con…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Ulysse (1982) di Agnès Varda

“La fotografia è la verità. E il cinema è verità ventiquattro volte al secondo”(Jean-Luc Godard) La regista belga Agnès Varda (l’unica donna appartenente alla Nouvelle Vague) è stata anche un’assidua…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Somewhere (2010) di Sofia Coppola

L’attore Johnny Marco (Stephen Dorff) risiede a tempo indeterminato in una stanza del Chateau Marmont di Los Angeles; gira a vuoto per le strade a bordo di una Ferrari nera;…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: 5×2 – Frammenti di vita amorosa (2004) di François Ozon

Dopo il grande successo di 8 donne e un mistero (2002) e Swimming Pool (2003), il regista François Ozon dirige la storia di una coppia parigina composta da Marion (Valeria…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Creature del cielo (1994) di Peter Jackson

È un vero miracolo la sola percezione che le due creature del cielo non siano un’astrazione. Christchurch, Nuova Zelanda, 1953: Pauline Parker incontra Juliet Hulme in una scuola femminile, e…
Leggi l'articolo

Il cielo sopra Berlino: l’insostenibile voglia di amare

                     “Alla nascita, un angelo visita tutti i bambini e racconta loro la loro vita futura. Mentre se ne va, lascia un segno sopra la bocca, segno dell'amnesia della conoscenza.…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Zombie contro Zombie (2017) di Shin’ichirō Ueda

Una troupe cinematografica giapponese si trova nei pressi di una fabbrica abbandonata per girare un film horror a basso costo, e il regista rimprovera duramente la protagonista femminile perché secondo…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: The Lodger – Il pensionante (1927) di Alfred Hitchcock

Per chi non ne fosse a conoscenza, il giovane Alfred Hitchcock, dopo qualche esperienza in Gran Bretagna, lavorò in Germania come assistente scenografo per Friedrich Wilhelm Murnau con L’ultima risata…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: La ragazza che sapeva troppo (1963) di Mario Bava

“Vai in Italia, mi dice [un mio amico] con voce sognante. È il tuo paese. Il paese della poesia. Non succede mai niente in Italia …” (Tony Musante ne L'uccello…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: La bella vita (1994) di Paolo Virzì

“Eccoli gli operai sul prato verde a mangiare: non sono forse belli?Corrono le automobili d’intorno,passan le genti piene di giornali. Ma gli operai non sono forse belli?” (Sandro Penna, Poesie)…
Leggi l'articolo

Un film da (ri)scoprire: Entre tinieblas – L’indiscreto fascino del peccato (1983) di Pedro Almodóvar

Madrid dall’alto. Esterno notte. Il sole è appena calato, mentre il traffico scorre rapidamente grazie ad un effetto di accelerazione di fotogrammi noto come time lapse.Una ragazza bionda di nome…
Leggi l'articolo

Hair, quanto tempo è trascorso…

                                      E’ incredibile come ogni film che parli di guerra, di qualsiasi guerra, girato trent’anni fa o ieri, risulti sempre attuale. E’ incredibile ma è anche atroce perché vuol dire…
Leggi l'articolo

Robert Bresson: misticismo senza speranze

                         “la vera originalità consiste nel cercare di fare come gli altri, senza riuscirci mai”. In quarant'anni di carriera, Robert Bresson ha affrontato i temi chiave del cinema moderno europeo:…
Leggi l'articolo

Senza tetto né legge: la protesta senza speranza

Nel Sud della Francia una gelida alba invernale fa da cornice al ritrovamento da parte di un contadino arabo del corpo senza vita di Mona Bergeron. La ragazza priva di…
Leggi l'articolo

Jean Vigo: il cinema come sogno

                                       “Il cinema può andare avanti quanto vuole, ma non supererà mai e forse neppure raggiungerà un film come L’Atalante, un film dove c’è già dentro tutto.” Luis Buñuel Vivere…
Leggi l'articolo

Buñuel e la parabola dell’angelo sterminatore

                                     Fin dal titolo il film “L’angelo sterminatore” evoca scenari misteriosi, biblici se non apocalittici, ed è un dato di fatto che faccia venir fuori progressivamente il lato oscuro degli…
Leggi l'articolo

Fuga per la Libertà. Un docufilm per raccontare l’immigrazione di ieri a Latina

Solo chi ha vissuto a Latina sa che dal 1957, qualche mese dopo l’invasione sovietica dell’Ungheria, fino al 1989, anno della caduta del Muro di Berlino, è stato attivo in città…
Leggi l'articolo

En guerre il nuovo film di Stéphane Brizé

Così Cannes affronta il tema del Lavoro  "Chi combatte rischia di perdere, ma chi non combatte ha già perso". E’ con questa citazione di Bertolt Brecht che si apre En guerre il…
Leggi l'articolo

Càpita di riuscire ad andare al cine

Càpita di riuscire ad andare al cine, sull'onda dell'entusiasmo che la rassegna Lievito crea. Càpita di andarci con qualche riserva, perché il film sta andando maluccio al botteghino, perché il…
Leggi l'articolo